IL BENESSERE DELLE GAMBE

Piccolla azione grande affetto
12/10/2016

IL BENESSERE DELLE GAMBE

ALIMENTAZIONE, RIMEDI E PRATICHE PER ESSERE SEMPRE IN FORMA

Le gambe sono il punto d’appoggio del nostro corpo e ne permettono un più o meno agile spostamento: l’agilità e la forza che riusciamo ad avere dipendono dal benessere delle nostre gambe e determinano la nostra età. Quando le gambe sono gonfie o doloranti, non si è in grado di fare molto, anche se il resto del corpo è in salute. La prima differenza che notiamo tra un giovane ed un anziano è il modo di procedere sulle proprie gambe: chi riesce a mantenere le proprie gambe agili e forti sembra non sentire il peso degli anni, rimane autonomo e ciò influenza la qualità della sua vita.

Al di là dell’età, la stagione calda mette a dura prova le gambe, la dilatazione dei vasi sanguigni causata dalle alte temperature, acuisce una serie di disturbi che rimangono latenti nella stagione più fresca.

Ovviamente il peso che le gambe devono sostenere influisce sul loro benessere: ma questo non è l’unico fattore di cui dobbiamo tener conto.

I disturbi più noti degli arti inferiori sono gonfiore, senso di affaticamento, fragilità capillare, indolenzimenti, formicolii ed infine dolore. Un aspetto importante da considerare, soprattutto nel mondo femminile, è l’assetto ormonale. Il gonfiore delle gambe può essere anche indice di malattie importanti al cuore o ai reni, e pertanto non va sottovalutato.

La fitoterapia ci offre molti alleati su cui contare per la cura delle gambe: vite rossa, pungitopo, rusco e ginkgo biloba. All’azione vasotonica, angioprotettiva e antiedemigena delle prime due  si  associa l’azione antiossidante e antinfiammatoria del Ginkgo, con miglioramento del microcircolo ed inibizione dell’aggregazione piastrinica. Naturalmente questa  integrazione va programmata assieme ad un medico se si prendono altri  anticoagulanti o farmaci che potrebbero essere limitati nel loro effetto da questa assunzione. E’ sempre bene affidarsi a specialisti del settore, quando si assumono dei farmaci, per non creare delle interazioni pericolose.

Tutte le pratiche che possono dare sollievo alle gambe, come applicare delle creme specifiche nella direzione che va dal basso verso l’alto, attività fisica – prediligendo attività aerobiche, passeggiate, scale, nuoto, step – sono da tenere in giusta considerazione. Anche il fatto di stare in piedi troppe ore al giorno non aiuta la circolazione, pertanto una buona pratica è quella di alzarsi sulle punte ogni tanto, in quanto questo gioco di contrazione e rilassamento muscolare tende a facilitare il flusso circolatorio. Neanche la vita sedentaria è l’ideale, per cui di tanto in tanto è bene alzarsi per fare del movimento.

Ci sono poi una serie di norme relative allo stile di vita da seguire a scopo preventivo:

  • In primo luogo considerare il proprio abbigliamento: bisogna evitare abiti stretti o troppo attillati che costringono e comprimono i polpacci ed i tacchi alti che costituiscono un rischio per gambe, schiena e ginocchia, oltre che essere spesso causa di osteoartrite e invecchiamento precoce delle articolazioni;
  • Abolire i bagni troppo caldi, tenere sotto controllo il peso, quando possibile sdraiarsi tenendo le gambe leggermente più in alto del resto del corpo, (circa 15 centimetri) appoggiando i piedi su un cuscino, meglio se inclinato, appositamente studiato per lo scopo;
  • Altra pratica che fa molto bene alle gambe è alternare getti di acqua tiepida e acqua fredda sulle stesse;
  • Una cosa a cui bisogna prestare attenzione è il problema della stitichezza, allorché se ne soffra bisogna cercare di risolvere il problema introducendo più acqua e più fibre, perché la stitichezza aggrava le difficoltà circolatorie degli arti inferiori.

Un ruolo molto importante per la salute delle gambe e del corpo in generale è rivestito come sempre dall’alimentazione:

  • E’ necessario evitare di condire i cibi eccessivamente con il sale, per combattere la ritenzione idrica, e bere un giusto quantitativo di acqua (circa 30 gr per peso corporeo al giorno).
  • Preferire alimenti a ricco contenuto di potassio e mangiare molti cibi ricchi di vitamina C che rinforza e preserva l’elasticità delle vene (ad esempio frutti di bosco e mirtilli). Non trascurare l’importanza di aglio e cipolla che grazie alle alte concentrazioni di rutina, aiutano a fluidificare il sangue ed a prevenire la formazione di coaguli.
  • La rutina, la quercetina e l’esperidina  sono flavonoidi  molto importanti per il benessere delle gambe, in estate può essere necessario introdurli come integratori ma sono contenuti normalmente nella frutta e nella verdura. L’alimentazione ideale è quella ricca di frutta fresca e verdura fresca e cruda mentre gli acidi grassi cosiddetti omega 3 possono essere assunti sotto forma di integratori, o grazie ad una costante assunzione di semi (Gandhi disse: “Ovunque i semi di lino divengano un cibo comune tra la gente, lì ci sarà una salute migliore”) e di noci.
  • Per i famigerati crampi un ottimo rimedio è nutrirsi di tutti quei cibi che contengono magnesio e se non risulta sufficiente lo stesso può essere assunto sotto forma di integratore. I cibi che lo contengono sono le verdure a foglia verde, frutta secca, noci, semi di zucca e mandorle, germogli, legumi come piselli e fagioli, i cerali integrali.

“La salute non è tutto, ma senza la salute il tutto è nulla” diceva Schopenhauer: questo vale soprattutto per le vostre articolazioni. Immaginate come sarebbe la vostra vita senza l’uso delle vostre gambe, a quante cose dovreste rinunciare, e come diventerebbe impossibile condurre una vita nella normalità. Forse questo pensiero vi aiuterà ad apprezzarle e ad averne più cura, spero anche grazie a questi consigli.

Diceva Oscar Wilde: “La salute è il primo dovere della vita”,  essa non è frutto del caso, spesso è semplicemente la diretta conseguenza delle nostre azioni.

 

Daniela Di Giacomo

Dott.ssa  in Scienze e Tecnologie Alimentari